Malga Trugole

dipinto dell’artista asiaghese
Giovanni Forte Sceran (1916-2000)

ecomuseo sette comuni2
ECOMUSEO CIMBRO
dei sette comuni
icona meraviglie
In escursione alla scoperta
della montagna di Rotzo
icona-bici
Ciclopedonale
degli altopiani cimbri
“Nel territorio dei Sette Comuni non esistono castelli di Nobili, non esistono ville di Signori, né cattedrali di Vescovi,per il semplice fatto che la terra è del popolo e i suoi frutti sono di tutti come ad uso antico.” Mario Rigoni Stern

icona-malghe

milchbekh | la via delle malghe

L’Altopiano dei Sette Comuni vanta il più grande ed esteso patrimonio malghivo di tutto l’arco alpino. Pascoli e malghe sono il cuore dell’alpeggio e come da “uso antico” sono ancora oggi un bene collettivo, cioé appartengono di fatto alla comunità. Ogni anno, a metà giugno si compie il rito della transumanza e le malghe vengono raggiunte dai malghesi con i loro animali. I pascoli d’alta quota vengono destinati alle pecore, mentre quelli più bassi alle vacche. Ridiscenderanno poi a valle a fine stagione, il 21 settembre, in occasione della Fiera di San Matteo di Asiago. La grandissima varietà di erbe e fiori d’alta montagna conferiscono al formaggio dei Sette Comuni un sapore unico e ineguagliabile. Conoscere le malghe è un’esperienza unica per scoprire la tradizione secolare dell’alpeggio e dell’arte casearia e per assaggiare e, magari acquistare, i prodotti autentici delle nostre montagne.

L’Altopiano dei Sette Comuni vanta il più grande ed esteso patrimonio malghivo di tutto l’arco alpino. Pascoli e malghe sono il cuore dell’alpeggio e come da “uso antico” sono ancora oggi un bene collettivo, cioé appartengono di fatto alla comunità.
leggi di più
Ogni anno, a metà giugno si compie il rito della transumanza e le malghe vengono raggiunte dai malghesi con i loro animali. I pascoli d’alta quota vengono destinati alle pecore, mentre quelli più bassi alle vacche. Ridiscenderanno poi a valle a fine stagione, il 21 settembre, in occasione della Fiera di San Matteo di Asiago. La grandissima varietà di erbe e fiori d’alta montagna conferiscono al formaggio dei Sette Comuni un sapore unico e ineguagliabile. Conoscere le malghe è un’esperienza unica per scoprire la tradizione secolare dell’alpeggio e dell’arte casearia e per assaggiare e, magari acquistare, i prodotti autentici delle nostre montagne.
cartina via delle malghe verde
pin trasparente
pin trasparente
pin trasparente
pin trasparente
pin trasparente
pin trasparente
camminatore
Dal Rifugio Campolongo potrete raggiungere le cinque malghe di Rotzo:

1_Trugole, 2_Posellaro, 3_Camporosà, 4_Mandrielle, 5_Campovecchio
completando il giro in una passeggiata immersiva nella natura di 4-5 ore.

casaro
formaggio asiago
malga
UNA GRANDE EREDITÀ
DELLA SPETTABILE REGGENZA DEI SETTE COMUNI

Le malghe:
un patrimonio collettivo

Si chiama Proprietà Collettiva e, con essa, si intende una forma alternativa di gestione della terra, dove è l’intera comunità a possederla e a godere dei suoi frutti. Sull’Altopiano dei Sette Comuni questa pratica ha origini antiche.

Nei Comuni dell’antica Spettabile Reggenza, tra il 1310 e il 1806, il patrimonio agro-silvo-pastorale era considerato di proprietà della gente del posto e, per questo, inalienabile, indivisibile, inusucapibile. Poiché le genti altopianesi vivevano di pastorizia e attività legate all’esbosco, era importante consentire il pieno godimento del territorio ed evitarne qualsiasi tipo di frammentazione.

[Testo di Margherita Grotto]

campanaccio
mucca
LE MALGHE DEI SETTE COMUNI:
87 con un’estensione complessiva di 7.775 ettari

Il più grande
comprensorio delle Alpi

L’Altopiano dei Sette Comuni vanta il più grande ed esteso patrimonio malghivo
di tutto l’arco alpino.
Pascoli e malghe sono il cuore dell’alpeggio. I primi si sono trasformati nel tempo, passando dalla transumanza di ovini all’allevamento di vacche da latte e alla produzione del formaggio. Le seconde rimangono fedeli alla loro funzione originaria: quella di accogliere, da metà giugno a metà settembre, da 90 a 120 giorni l’anno, animali da pascolo, pastori, casari, malghesi.

[Testo di Margherita Grotto]

ACQUISTARE I FORMAGGI E I PRODOTTI TIPICI DI MALGA

Shopping in “alta quota”

“Quassù è tutto più buono”: dovete sapere che i pascoli in quota dei Sette Comuni sono caratterizzati da una particolare biodiversità e in pochi metri quadrati di prato possono convivere oltre 100 tipi d’erba. Ecco perché il formaggio di malga è così buono. Ma non solo, i malghesi si prendono cura dei propri animali e conoscono ogni aspetto della loro vita e delle loro abitudini nell’alimentazione. Dei pascoli in malga conoscono erbe e peculiarità e i segreti della loro arte casearia è spesso tramandata da generazioni, di padre in figlio.
I malghesi sono dei veri e propri custodi del territorio e con il loro lavoro vengono mantenuti e tramandati i pascoli d’alta quota preservandoli dall’avanzare del bosco.

Nell malghe è spesso possibile degustare e acquistare i prodotti dell’alpeggio: ricotte, formaggi freschi, burro e la “tosela”, il formaggio fresco di cagliata da cuocere sulla piastra della stufa e da consumare con la polenta.

cartina generale
17 icona letto
B&B HEMMARA

Via Albaredo, 54 - ROTZO - 0424 691355 - 339 2261088
bbhemmara.it

17 icona letto
Bed & Breakfast Rotzo

Via Capovilla, 30 - ROTZO - 0424 691169347 7843015
bedbreakfast-rotzo.com

17 icona letto
Casa Ekharle - Guesthouse

Via Albaredo, 122 - ROTZO - 347 5314470
ekharle.business.site

17 icona letto
BEGALE - RIFUGIO URBANO

Via Albaredo,26 -ROTZO - 3460443461
prenotazioni@begale.it

 

RIFUGIO CAMPOLONGO

Località Campolongo - ROTZO - 0424 66487 - 340 0897822
centrofondocampolongo.it

Unknown
Taverna Bòstel

Castelletto località Bòstel - 351 6889103
bosteldirotzo.it

icone appaiate
AGRITURISMO Zecchinati

Via Capovilla, 60 - ROTZO - 0424 691187
zecchinati.it